Fissi su di Lui – Materiale convegni di inizio anno 2021-2022

Siamo pronti per iniziare questo nuovo anno associativo. Un anno che – speriamo – ci traghetti verso la normalità, ma in cui iniziamo a fare davvero i conti con le ferite che ha lasciato il covid in tante persone. Ognuno di noi ha qualche cicatrice in più sull’anima, tanti educatori e responsabili (un dato che colpisce molto) si sono trasferiti a causa del lavoro, quasi tutti abbiamo perso il “ritmo” della vita associativa la cui ordinarietà va recuperata come se fosse quasi un nuovo inizio collettivo.

E’ importante, perciò, che quest’anno sia contrassegnato da alcune parole chiave valide per tutti.

Innanzitutto entusiasmo: siamo pronti, senza musi lunghi. Feriti, ma non lagnosi. Con chi c’è fin da subito, sperando di recuperare qualcuno lungo la strada. Ma è possibile sapere su chi si può contare solo in un modo: partendo.

Dono: è l’obiettivo della formazione in Ac. Essere responsabili significa farsi dono per gli altri, spendersi per gli altri, dire ci sono e puoi ci fare su di me. Forse, una delle dimensioni da recuperare in questa prima fase è proprio la capacità di decentrarsi dopo mesi di isolamento e in cui – come detto – ci siamo anche un po’ “disabituati” all’ordinarietà associativa. Diamo il tempo agli altri di passare da “ora devo dedicare del tempo a me stesso” a “cosa possa fare per te”? Nessuno va lasciato indietro perché dopo un tempo complicatissimo ci dice “non mi sento di assumere responsabilità”.

E’ quindi fondamentale mettersi in ascolto: insieme deve essere il filo rosso di questo anno sinodale. Ci salviamo solo insieme. Ma insieme vive del confronto, del discernimento, della riflessione fatta con gli altri attraverso l’ascolto reciproco. E solo insieme possiamo essere certi di fare ciò che serve agli altri, senza inseguire i nostri miraggi.

Questo avvio di anno deve essere, perciò, all’insegna della concretezza e della prossimità: partire dalle necessità reali e non da desideri che non rispondono a nessuna domanda, cominciare bene facendo l’essenziale, senza pretendere di fare tantissimo subito spaventando le persone. Ed essenziale ora è ritrovare la bellezza dello stare insieme, del confrontarsi, delle riunioni trascorse senza l’occhio perennemente sull’orologio. A tal proposito, un piccolo consiglio “strategico”: crea più entusiasmo una cosa semplice a cui partecipa un discreto numero di persone che una cosa superelaborata con scarsa partecipazione. Aspettiamo un po’ per i fuochi d’artificio, questo è il momento di essere formiche.

L’ultima parola è casa. Abbiamo trascorso mesi nelle nostre case, dobbiamo riprendere a sentire “casa” i nostri luoghi abituali. E casa è quel luogo in cui sappiamo di essere amati e accolti per quello che siamo. In cui non si può fare ciò che si vuole, ma in cui troveremo sempre qualcuno pronto a sorriderci, ad ascoltarci, a gioire con con noi o a prestarci una spalla su cui appoggiarsi. Casa è il luogo in cui non dobbiamo fingere e possiamo essere pienamente noi stessi. “Rieccomi a casa” è la sensazione che dovremmo sperimentare tutti in questo avvio, “bentornati a casa” è la parola che dovremmo dire a tutti, in particolare ai ragazzi dell’Acr che ci sono mancati tanto.

Buon anno associativo a tutti!

MATERIALE

Programmazione diocesana Ac Nola 2021-2022 (380 download)

 

Preghiera iniziale incontri zonali inizio anno 2021 (150 download)

 

Schema lectio Lc 4,14-22 – Don Luigi Vitale incontri zonali inizio anno 2021 
Testo Lectio Lc4,14-22 – Don Luigi Vitale

Lectio Lc4,14-22 – Don Paolino Franzese 

Lectio brano dell’anno – don Aniello Verdicchio 

Schema-lectio-Lc-414-22-Don-Marco-Napolitano.pdf 

 

Note tecniche adesioni 2021-2022

 

Proposta Festa del CIAO 2021.pdf (1356 download)

 

Proposta percorso famiglie

Presentazione cammino dell’anno settore adulti

Questione di sguardi - scheda di riflessione del Settore Adulti (926 download)

Presentazione cammino dell’anno settore giovani

Ricevere aprire riavvolgere consegnare - scheda di riflessione settore giovani (240 download)

Presentazione cammino dell’anno acr

Lascia un commento