Ci interessa il bene della nostra Regione – appello dell’Azione cattolica campana

La delegazione regionale dell’Azione cattolica, con la collaborazione delle Presidenze diocesane e del Laboratorio regionale “Territorio ed educazione al bene comune”, ha pubblicato un appello in vista delle elezioni regionali del 31 maggio. Temi centrali la disoccupazione, la desertificazione industriale, il gioco d’azzardo, l’oltraggio all’ambiente, la priorità da riservare a famiglia, scuola e immigrazione. Ecco il testo completo. Scarica la versione pdf (149 download) .

CI INTERESSA IL BENE DELLA NOSTRA REGIONE

APPELLO DEI LAICI DI AZIONE CATTOLICA DELLA CAMPANIA PER LE ELEZIONI REGIONALI 2015

Il prossimo 31 maggio saremo chiamati ad esprimere il nostro voto per l’elezione del Governatore della Regione Campania e dei Consiglieri regionali.

È questo un appuntamento che non può lasciare nessuno indifferente: il voto è un diritto-dovere costituzionale, con il quale si contribuisce fattivamente al bene del paese e, nel caso particolare, al bene della nostra Regione. Non è semplice retorica, ma un invito schietto a uomini e donne  della  Campania  a  prendere in mano il futuro politico del Paese in cui vivono.

La vita della nostra Regione, della nostra terra, ci interessa moltissimo e se andare a votare è, per noi, essenziale, lo è ancor di più farlo con coscienza, avendo ben chiaro che qualsiasi azione politica si intraprenderà da parte degli eletti non potrà e non dovrà mai essere contro l’essere umano e la sua dignità, ma a servizio della promozione integrale della società, di cui la famiglia naturale è l’immagine più autentica.

Sarebbe utile, in queste ultime settimane di campagna elettorale, ridestare pubblicamente l’attenzione su alcuni temi vitali, su cui non occorre nessuna propaganda e sui cui anzi vorremmo impegnarci, da cattolici, ben oltre l’appuntamento elettorale, anche con l’istituzione di un tavolo permanente di discussione e concertazione con i futuri governanti.

Tra i tanti temi ne segnaliamo qualcuno più indicativo:

  • la desertificazione umana, industriale, produttiva della Regione, la cui prova più evidente è la piaga della disoccupazione, dell’inoccupazione (in particolare femminile), dell’uscita coatta dal lavoro. Piaga che va ad alimentare il mercato della criminalità e, fenomeno crescente e allarmante, il vergognoso mercato del gioco d’azzardo legalizzato. Tanti giovani continuano a lasciare la Campania per cercare altrove la propria realizzazione professionale e lavorativa. Una tendenza che non accenna a diminuire nonostante l’erogazione di tanti fondi europei.
  • Nella griglia dei Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria, la Regione Campania appare ultima in classifica a livello nazionale. Ciò si aggiunge al noto stato di difficoltà dei conti, che si ripercuote sulla qualità dei servizi offerti, specie alle fasce più deboli della popolazione.
  • Un biosistema sempre più oltraggiato: l’ex “Campania felix” continua a mietere vittime del disastro ambientale, mentre si è ancora in attesa di strumenti legislativi chiari ed incisivi per tutelare la salute e l’incolumità dei cittadini e garantire le necessarie bonifiche. La nostra Regione è tra le più belle da un punto di vista paesaggistico, ma l’offerta turistica non sembra essere ancora all’altezza del patrimonio che detiene, così come pure monumenti, siti archeologici, biblioteche, musei troppo spesso sono chiusi, poco valorizzati, a volte inaccessibili. A tutto ciò si aggiunge, inoltre, una grave carenza nei trasporti pubblici.

La politica deve sapere dare risposte a questi temi e, contestualmente, creare una prospettiva di medio termine che inverta i sentimenti di rassegnazione dei cittadini. Con gesti concreti, soprattutto sul fronte della lotta alla camorra e alla corruzione ad ogni livello istituzionale – vera e propria piaga sociale – e dello spreco di soldi pubblici da parte dei partiti. Vogliamo tornare ad essere orgogliosi delle nostre radici e della nostra identità territoriale. Vogliamo poter dire di non essere solo una triste tabella di record negativi. Desideriamo poter raccontare all’Italia il tanto di bello e di buono che pure c’è in Campania, seppure nascosto nelle tante e note difficoltà. 

I futuri governanti sappiano di poter contare sull’Azione cattolica, che si fonda sull’esperienza del  cattolicesimo sociale, fortemente radicato nella storia delle comunità, da sempre allenate a reagire al male e pronte, come ha ricordato papa Francesco nella sua visita del 21 marzo a Napoli, a creare e ricreare “una cultura di vita che aiuta sempre a rialzarsi dopo ogni caduta”.

L’Azione Cattolica con i suoi tanti laici impegnati, portatori di ingegno, professionalità, competenze e passione, possono essere protagonisti di “sistemi di rete” solidale insieme a  tutti gli altri attori sociali

  • per un impegno educativo verso le nuove generazioni, che prosegue oltre i tempi e gli spazi della famiglia e della scuola;
  • per lo sviluppo di un sistema di “economia civile”, fondata sui valori di solidarietà e reciprocità;
  • per la formazione di un welfare non più basato sugli individui, ma sui nuclei familiari;
  • per proporre una nuova cultura di lavoro e di impresa: esempio ne sia il Progetto Policoro, progetto di sostegno all’imprenditoria giovanile promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana.

Nell’ottica di una reale rinascita sociale, siamo convinti che la credibilità della politica passerà attraverso

  • azioni di sostegno reale e concreto alla famiglia, di natura fiscale e in termini di maggiori servizi. Famiglia che è, nella sua tradizionale e naturale conformazione, un valore ancora forte ed insostituibile per le nostre comunità.
  • azioni di sostegno alla scuola, all’università e al sistema della formazione, per consentire ai nostri giovani di competere su scala europea. Inoltre, investire sulla scuola significa oggi dare una risposta significativa al tema del dialogo e dell’integrazione, alla luce dei forti flussi migratori in atto.

Ai cittadini ricordiamo che il cambiamento passa e passerà attraverso il nostro voto, non perdiamo dunque quest’occasione.

È questo il tempo di recuperare il rapporto politica-cittadino a partire da ciascuno, senza mai dimenticare che tutti, nessuno escluso, abbiamo la responsabilità politica di creare una cittadinanza operosa, aperta, prossima, impegnata e vigile sulle nostre città, perché siano animate da sentimenti di giustizia ed amicizia e si costruiscano sempre più città dal volto umano.

Lascia un commento