Sabato 2 aprile alle 16.30 a Pompei, presso la sede della Conferenza Episcopale Campana (Sala Marianna De Fusco), ci sarà un convegno pubblico dal titolo “Memoria e futuro. L’impegno dei cattolici organizzati nell’Italia unita a servizio del bene comune” durante il quale interverranno Raffaele Cananzi, Giuseppe Palmiziano e Nico de Vincentiis.

Memoria e futuro

La riflessione civile e la ricerca storica che si è sviluppata in concomitanza con il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, hanno permesso di dare nuova luce al contributo dei  cattolici alla storia italiana e alla costruzione dell’identità nazionale:  esso già nell’800 e lungo  tutto il ‘900 è stato profondo e a tratti determinante. Infatti,  pur proponendosi in forme diverse e  sostenendo differenti scelte politiche e sociali, sia la comunità cristiana in quanto tale, sia i cattolici  attraverso le forme dell’associazionismo laicale, culturale  ed educativo, economico sindacale e   politico hanno svolto un ruolo essenziale nella formazione della coscienza civile e dell’identità culturale italiana. Senza dimenticare tutti quei cattolici, laici e sacerdoti, che hanno rischiato e  sovente sacrificato la vita per la causa della libertà, in  particolare nell’opposizione al fascismo e  nella lotta di Resistenza …

Oggi, in un tempo in cui è sempre più necessario scoprirsi o riscoprirsi uniti, occorre che i cittadini, le istituzioni, le forze sociali politiche e culturali si riprendano  questo compito e questa responsabilità di “costruire identità” adeguate ad affrontare le esigenze dei  nostri tempi. In questa prospettiva anche la comunità cristiana  e in essa l’AC è nuovamente  chiamata, come in frangenti passati, a fornire un contributo: l’impegno civile di fronte alle sfide  della stagione che stiamo vivendo è un modo concreto e necessario per servire il bene comune: il  terreno della costruzione dell’identità è parte integrante e decisiva di quella “sfida educativa” che  costituisce la prospettiva assunta dalla chiesa italiana per i prossimi anni. In particolare come  cittadini e come cristiani possiamo sottolineare alcuni aspetti decisivi:

– la costruzione di un senso di comunità, superando la visione individualistica oggi tanto diffusa  ma inadeguata, per recuperare il valore della “persona in comunità”

– la visione della  politica come “amicizia civica” che, nella diversità di opzioni progetti e  strumenti, sa individuare ed evidenziare i valori comuni e condivisi, operando in modo  rispettoso delle regole comuni;

– il valore fondamentale delle istituzioni, quali espressioni e strumenti dello stato a servizio di  tutti i cittadini, vere e proprie garanzie per il rispetto e lo sviluppo della libertà; in questo senso  occorre comprendere il carattere “progressivo” della Costituzione, che non si limita ad indicare  regole e libertà formali, ma segnala anche la prospettiva di valore verso cui la società deve  essere orientata (emblematici gli articoli 2 e 4 della Carta).

Sabato 2 aprile alle 16.30 a Pompei, presso la sede della Conferenza Episcopale Campana (Sala Marianna De Fusco), ci sarà un convegno pubblico dal titolo “Memoria e futuro. L’impegno dei cattolici organizzati nell’Italia unita a servizio del bene comune” durante il quale interverranno Raffaele Cananzi  (già presidente nazionale dell’Ac) e Giuseppe Palmiziano (dell’Università di Salerno) che saranno moderati da Nico de Vincentiis (giornalista Rai).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>