In attesa del Natale, tante le iniziative parrocchiali che vedono l'Ac protragonista. Questa settimana vi proponiamo il racconto della strada dei presepi organizzata a Cinquevie e del presepe vivente di Marchesa: due possibili luoghi in cui passare un parte delle nostre giornate di festa...

Tempo di Natale, tempo di presepi

La strada dei presepi a Cinquevie

L’Azione Cattolica di Cinquevie in collaborazione con la Parrocchia e l’Associazione Maria SS del Rosario vuole animare il natale 2010 a Cinquevie attraverso la realizzazione della “Via dei presepi”. Quante volte i Cristiani si sono messi in cammino lungo le Vie della Fede per incontrare Cristo e per rinnovare il proprio credo. La strada dei Presepi è una proposta per ripercorrere le strade che facciamo tutti i giorni, ma per una volta come pellegrini, per incontrare attraverso l’arte il Bambino posto in una mangiatoia. Non dobbiamo percorre questa strada con la frenesia di ogni giorno, ma la semplicità della Natività ci deve far riflettere sul messaggio che Gesù Bambino ci porta anche quest’anno: pace a tutti gli uomini. Per questo La strada dei Presepi è un percorso di Fede, un andare verso il Dio fatto uomo, per ritrovare la pace dentro di noi. Per questa prima edizione si è pensato di coinvolgere piazza Narni Mancinelli e via Ceravolo sia per la sua vicinanza alla parrocchia e sia per il suo aspetto caratteristico. Questa manifestazione si svolgerà il 26 dicembre dalle 17.30 in poi. La manifestazione consiste nella costruzione di presepi all’aperto, nei giardini, nei cortili, nelle stalle, nei forni antichi, sotto ad un balcone, nel garage, nelle aiuole,nelle ceste e nei vasi di terracotta, nelle damigiane, sopra un pozzo, sul davanzale della finestra, sotto un albero, lungo il ciglio della strada… Una vecchia auto si può trasformare in un palcoscenico per un presepe, mentre anche un piccolo coccio può divenire il rifugio per Giuseppe e Maria e teatro della Natività. I presepi possono essere realizzati dalle singole famiglie o da piu’ famiglie, dai negozi, dalla scuola elementare, dalla parrocchia e da chiunque volesse esporre un suo capolavoro di arte presepiale lungo il percorso. I presepi saranno allestiti in luoghi accessibili da tutti durante la manifestazione. I presepi possono essere costruiti con muschio, paglia, fieno, rami di alberi, foglie, pietre e tutto ciò che la natura offre a cinquevie…i presepi saranno opportunamente illuminati o con luci o candele varie….. sarà cura dei partecipanti di illuminare anche i percorsi fuori le proprie abitazioni con candele, lanterne o torce per rendere suggestivo il percorso ai visitatori, come pure le famiglie possono curare un sottofondo musicale ed animare i vari cortili con balli e musiche contadine. Si farà rivivere gli antichi mestieri, si apriranno per l’occasione le antiche cantine mettendo in funzione vecchi forni, gli abitanti del posto indosseranno costumi secondo l’antica tradizione contadina. Gli abitanti del borgo accoglieranno i visitatori con cioccolata calda e dolci casalinghi. Durante la serata in parrocchia sarà rappresentata la natività, in 2 orari differenti, animata dal coro dei bambini. Ogni rappresentazione è preceduta dal corteo di pastori attraverso la via dei presepi.

(Gennaro Ciccarelli)

Il presepe vivente di Marchesa

Nel 2005, dall’idea dell’allora parroco Don Fernando Russo, si è tenuta la prima edizione del Presepe Vivente a Marchesa. Nel corso degli anni questa tradizione, nata con lo scopo di coinvolgere tutta la popolazione, per creare una comunità più unita e solida, è andata avanti giungendo fino ad oggi. Quest’anno, sotto la guida del parroco don Raffaele Afiero, siamo giunti alla sesta edizione di questa grandiosa manifestazione che coinvolge la maggior parte della popolazione: piccoli, giovani e grandi. La scorsa edizione ha visto protagonisti circa centocinquanta figuranti dislocati in più di quaranta botteghe.  Nei giorni del 24, 25 e 26 dicembre una parte di via Marchesa si trasforma in un piccolo borgo ottocentesco, strade e abitazioni vestono i panni di vecchi ruderi, in cui si ritrovano le botteghe delle arti e dei mestieri di un tempo, tipici del presepe napoletano. Non possono mancare le ambientazioni classiche: la Natività, la Reggia del Re Erode e il Censimento.  A queste ambientazioni classiche, quest’anno se ne aggiungono altre. Un ulteriore passo indietro nel tempo per dar vita ad una serie di rappresentazioni, che vanno sotto il nome di “Presepe Storico”, in cui è possibile ripercorrere alcuni avvenimenti antecedenti la natività. Dall’annunciazione dell’Arcangelo Gabriele fino alla partenza per Betlemme di Maria e Giuseppe.

Inoltre ogni sera sarà possibile assistere, in conclusione, all’offerta dei doni al bambinello e all’arrivo dei Magi alla capanna. Nel corso degli anni, sono stati tanti i visitatori  giunti a Marchesa, dai paesi limitrofi ed anche da più lontano. Visitatori che hanno fatto del nostro presepe una tradizione e che ogni anno vengono a trovarci, perché ogni anno il Presepe Vivente a Marchesa offre nuove suggestioni ed emozioni.

VENERDI’ 24 DICEMBRE dalle 24:00 alle 03:00

All’1:00, 1:30 e alle 2:00 sarà possibile assistere alla rappresentazione del presepe storico.

Alle ore 2:30 presso la capanna della Natività si potrà assistere all’offerta dei doni al bambinello e all’arrivo dei magi.

SABATO 25 DICEMBRE dalle 19:00 alle 23:00 e DOMENICA 26 DICEMBRE dalle 19:00 alle 23:00

A partire dalle ore 19:00,ogni mezz’ora, fino alle 22:00 sarà possibile assistere alla rappresentazione del presepe storico.

Alle ore 22:30 presso la capanna della Natività si potrà assistere all’offerta dei doni al bambinello e all’arrivo dei magi.

(Luisa Guastafierro)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>