Lo scorso 25 ottobre il vescovo di Nola, mons. Beniamino Depalma, ha incontrato presso il palazzo episcopale i sacerdoti di Boscoreale, Terzigno, Scafati, Torre Annunziata, San Giuseppe Vesuviano e Ottaviano, per un confronto in merito alla questione-discarica nel Parco nazionale del Vesuvio. Il vescovo e i sacerdoti hanno rinnovato la loro solidarietà alle “persone perbene” che protestano perché vedono ormai a rischio la propria salute e lo sviluppo del territorio. Si sono inoltre confrontati sulle cause e sulle possibile conseguenze della crisi dei rifiuti tuttora in corso. Hanno anche avviato una meditazione sul contributo che la Chiesa può dare per formare le coscienze alla tutela e alla salvaguardia del Creato. Al termine dell’incontro, hanno deciso di inviare un duplice appello

“no alla violenza, continuare sulla strada di un’intesa”

Lo scorso 25 ottobre il vescovo di Nola, mons. Beniamino Depalma, ha incontrato presso il palazzo episcopale i sacerdoti di Boscoreale, Terzigno, Scafati, Torre Annunziata, San Giuseppe Vesuviano e Ottaviano, per un confronto in merito alla questione-discarica nel Parco nazionale del Vesuvio.

Il vescovo e i sacerdoti hanno rinnovato la loro solidarietà alle “persone perbene” che protestano perché vedono ormai a rischio la propria salute e lo sviluppo del territorio. Si sono inoltre confrontati sulle cause e sulle possibile conseguenze della crisi dei rifiuti tuttora in corso. Hanno anche avviato una meditazione sul contributo che la Chiesa può dare per formare le coscienze alla tutela e alla salvaguardia del Creato. Al termine dell’incontro, hanno deciso di inviare un duplice appello:

–          la Chiesa di Nola chiede l’immediato stop di ogni azione di protesta violenta e pericolosa. La violenza non risolve ma acuisce il problema. Occorre agire per isolare e bloccare chi assume condotte illegali, e in particolare coloro che, attraverso raid organizzati, perseguono interessi diversi rispetto ai nobili fini per cui lotta la parte sana della popolazione;

–          la Chiesa di Nola invita gli amministratori locali e le istituzioni coinvolte a perseguire l’obiettivo di un’intesa. I sei punti dell’accordo di cui si è discusso in questi giorni rappresentano una base di partenza da non abbandonare. Su questi punti si può e si deve profondere un surplus di riflessione, buonsenso e approfondimento, da coniugare in modo saggio con i tempi brevi che l’attuale crisi richiede.

La Chiesa non ha soluzione tecniche e non si presta ad alcuna forma di strumentalizzazione culturale e politica. Può solo dire con voce chiara e forte che non è giusto scaricare sulla salute dei cittadini decenni di cattiva gestione politica, né tantomeno può essere la gente comune a pagare il conto salato di emergenze che si rincorrono senza adeguate soluzioni di medio periodo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>