Una lunga azione di sostegno, con una forte caratterizzazione di tipo pastorale. È così che la grande famiglia di Ac, con le sue associazioni diocesane e parrocchiali, intende accompagnare i fratelli abruzzesi nel cammino di ricostruzione, non solo materiale.

Vicini all'Abruzzo

La “macchina” organizzativa regionale si è attivata ed è possibile tornare a dare un aiuto alle persone che lo scorso 4 aprile sono rimaste vittima del sisma in Abruzzo. Anche se ormai non se ne parla quasi più la situazione non è delle migliori, anzi.

Innanzitutto insistiamo nel sottolineare che si prevede un’azione di sostegno molto lunga e che, per parte dell’Ac, dovrà avere soprattutto una caratterizzazione di tipo pastorale. In modo molto chiaro ci è stata chiesta una presenza di sostegno ai sacerdoti nella ricostruzione della vita delle comunità, di animazione liturgica, per ascolto e accompagnamento degli anziani e animazione dei bambini e giovani. Gli amici de L’Aquila hanno presentato la difficile situazione in cui versano alcuni campi di periferia, e lo stato di profondo bisogno di diversi sacerdoti e comunità parrocchiali.

Per queste specifiche aree ci viene chiesta la disponibilità, da metà maggio e almeno sino alla fine dell’estate, di piccoli gruppi di Ac, composti da giovani , in grado di animare la vita delle tendopoli, di sostenere il sacerdote nell’attività ordinaria, di animare le liturgie, di animare le giornate dei ragazzi e dei giovani.

L’impegno dell’Ac per l’Abruzzo consisterà quindi:

  1. nella piena integrazione con le iniziative delle Caritas regionali;
  2. nell’avvio di azioni mirate di sostegno pastorale in zone individuate dalla Delegazione regionale di Ac dell’Abruzzo-Molise e dalla Presidenza de L’Aquila.

Per le prime settimane si cercherà di assicurare il servizio di accompagnamento liturgico e pastorale per il sabato e la domenica; poi si capirà come è possibile far evolvere il servizio che offriamo ai nostri fratelli abruzzesi.

In questo modo cerchiamo di avviare una collaborazione che senza dubbio migliorerà man mano che i contatti si intensificheranno; avremo così modo di correggere quello che non va.

Chiunque voglia andare in Abruzzo per dare una mano a chi ne ha bisognao contattasse Enzo Formisano all’indirizzo e-mail vincenzo_formisano@libero.it indicando i giorni di disponibilità: è quanto mai necessario, infatti, coordinarsi al meglio per essere davvero utili e non di intralcio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>