Come orientare le nostre scelte? Come scegliere, e - soprattutto - come fare a scegliere bene? Parte di qui il mese della Pace dell'Acr 2009, ispirato come sempre anche al messaggio del Papa per la Giornata mondiale della Pace. Quest'anno l'Acr in collaborazione con Altromercato ha deciso di far entrare i ragazzi nel mondo del commercio equo e solidale

Gennaio mese della pACe

Il mese della Pace è il mese dedicato alla riflessione e alla preghiera per la Pace e in modo particolare, a partire dal messaggio del Papa, l’associazione tutta si impegna a pensare percorsi concreti e attuali che aiutino a compiere passi di pace e solidarietà. Durante il mese di gennaio i bambini e i ragazzi dell’ACR possono anche impegnarsi nel realizzare fumetti e immagini che traducano il messaggio del Papa ai loro coetanei, così da rendere tutti partecipi di ciò che loro vivono nel gruppo. Questo è un mese che può divenire occasione per assumersi impegni concreti, sia come singolo che come gruppo e deve essere, come ricorda il Papa, occasione per «allargare il cuore verso le necessità dei più poveri e a fare quanto è concretamente possibile per venire in loro soccorso».

Condizione essenziale per la diffusione della pace è una distribuzione equa dei beni e l’appropriato utilizzo delle qualità di ciascuno; infatti ogni azione contribuisce a costruire la pace, cominciando proprio dagli acquisti. Il Mese della Pace aiuterà i ragazzi a comprendere che la pace va costruita giorno dopo giorno, con le piccole azioni quotidiane, con le scelte di ogni giorno; sarà l’occasione per riscoprire la “ferialità della pace”. Dunque tutti gli acierrini sono chiamati ad osservare i propri comportamenti e quelli altrui circa gli acquisti da fare e in modo particolare alla motivazione che li spinge, orientandosi sempre all’insegnamento del Maestro. Quest’anno ai ragazzi verrà presentata la triste realtà dello sfruttamento della manodopera da parte di tante multinazionali e dei comportamenti che queste tengono, che molto spesso sono contrarie alla tutela dell’ambiente, per far comprendere loro che tutti noi siamo i protagonisti dell’economia mondiale; a tale scopo l’iniziativa sposata dall’ACR per il mese della Pace 2009, ci vede collaborare con il mondo del commercio equo e solidale, per realizzare una spesa di pace e solidarietà, aiutando alcuni progetti in Paraguay e Bangladesh. L’auspicio è che la riflessione vissuta in questo momento speciale possa portare ad uno stile di vita da proporre e sostenere e possa essere da input per avviare iniziative che possano continuare nel tempo e coinvolgere tutto il territorio.

La Festa della Pace sarà una grande opportunità per dare visibilità all’iniziativa internazionale scelta per questo mese e quale occasione migliore per i nostri ragazzi, di “parlare al mondo” dell’importanza di un consumo responsabile nella logica del bene comune.

Durante il Mese della Pace 2009 si potranno acquistare le “borse del mese della Pace” realizzate in juta dalle artigiane del Bangladesh della cooperativa Corr che si occupa di offrire ai poveri, e in particolare alle donne, delle zone rurali di questo Stato opportunità di lavoro e miglioramento della vita nei villaggi. Accanto all’attività di produzione e vendita, infatti, sono attivi anche programmi di formazione, risparmio, assistenza medica e costruzione di infrastrutture di base.

Al più presto vi faremo avere le informazioni tecniche per tale acquisto.

Buon mese della Pace a tutti.

L’equipe diocesana ACR

Vai al minisito nazionale per scaricare il materiale dell’iniziativa

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>